La piccola mercante di sogni – Maxence Fermine

cover


Conoscete Maxence Fermine? In caso di risposta negativa vi consiglio assolutamente di leggere qualcosa di questo scrittore francese perché non ve ne pentirete. Io l’ho conosciuto con la sua Trilogia dei colori che contiene i suoi primi tre libri: Neve, Il violino nero e L’apicoltore. Si tratta di libri piuttosto corti, circa un centinaio di pagine, ma che racchiudono storie di una delicatezza e magia poetica inenarrabile. Il mio preferito in assoluto è Neve, dolce, candido e malinconico e semplicemente perfetto.

Da poco è invece uscito La piccola mercante di sogni che nasce essenzialmente come un racconto per bambini ed in effetti mentre lo leggevo mi sarebbe piaciuto avere un bambino da addormentare a cui leggerlo. La storia parte da un bambino parigino che deve fare i conti con genitori sempre assenti e una incredibile voglia di vivere sempre tra le nuvole. In seguito ad un incidente stradale verrà catapultato nel Mondo delle Ombre, un universo parallelo in bianco e nero pieno zeppo di personaggi fantastici: dagli alberi che parlano ai gatti che amano i dolci dagli spettri alla candida mercante di sogni che cerca di colorare un po’ il mondo vendendo sogni.

Anche qui si tratta di una lettura velocissima ma molto carina nonostante si tratti pur sempre di una fiaba dal lieto fine assicurato. Lo consiglio a chi di voi ha dei figli per rendergli le notti più fantastiche e colorate.


Voto: ★★★✰✰ e mezza!

♫♪ Monochrome – Yann Tiersen

Se ogni sera voi dite alle stelle che le amate, e passate tutta la notte a guardarle, loro diventano per forza più luminose. Perché hanno bisogno d’amore. E ve lo restituiscono in misura talmente elevata da farvi sentire davvero felici.

librileggeri

 

 

Annunci

I vostri libri: “Cosa vuoi fare da grande” di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni

A. O. Meloni, Cosa vuoi fare da grande

Adoro quando mi inviate i vostri libri per parlarne qui sul blog perché scopro storie diverse non filtrate dalle potenti case editrici che governano il mondo della lettura e posso fare un po’ di pubblicità a prodotti genuini nati da persone del tutto normali che scrivono per passione. Mi sono decisamente sorpresa quando Angelo Orlando Meloni, che scrittore lo è davvero, mi ha contattata proponendomi di leggere il suo Cosa vuoi fare da grande? edito dalla Del Vecchio Editore e di cui hanno già parlato la Repubblica e il Fatto Quotidiano. Premetto che non avevo idea di questo boom di scrittori siciliani (in questo caso siracusani) che hanno prodotto una serie di romanzi notevoli nell’anno appena trascorso, cercherò di appofondire leggendo anche gli altri romanzi dei colleghi e compaesani di Baio e Meloni.

Parlando di Cosa vuoi fare da grande? voglio per prima cosa dire che mi ha fatto ridere! Non è cosa da poco per una come me appassionata di romanzi drammatici dai finali più tristi di sempre. E mi ha fatto ridere grazie alla genuinità del suo contenuto e ai personaggi più assurdi di sempre seppur estremamente reali, tratteggiati con una comicità epica. Il romanzo si svolge in un futuro imprecisato (non troppo lontano) ed è un viaggio allegorico sulla decadenza dell’istruzione italiana che punta ad enfatizzare i comportamenti adottati da insegnanti e genitori nella nostra quotidianità.

Veri protagonisti sono ovviamente i bambini, in particolare Guido Pennisi e il compagno di banco Gianni Serra, i genitori e gli insegnanti, ma anche i robots di ultima generazione tra cui spicca il Futurometro, una macchina in grado di carpire le caratteristiche degli individui al fine di indirizzarli nel proprio futuro lavorativo e il povero Ringo un computer “cervello” del Ministero dell’Istruzione (a me particolarmente caro visto il suo luogo di nascita, Ivrea, la città dove abito!). Oltre a questi personaggi in gran parte fuori di testa, lo stile scorrevole e l’ironia che caratterizza ogni singola pagina e dialoghi lo rende davvero piacevole.

[Best moment: “Dannazione, ammettiamolo una buona volta, se la Bibbia continua a vendere è per l’ineguagliabile doratura dei caratteri. Siamo o non siamo nell’era dell’immagine?”]

Insomma si tratta di 184 pagine leggere ma allo stesso tempo che fanno riflettere sul terrificante futuro che può prospettarsi e sull’inesorabile declino a cui si sta avviando la società, tra stagisti sfruttati, cariche ottenute tramite favori sessuali e ostentazione della ricchezza (in modo però molto democratico). Bello davvero e velocissimo da leggere. Lo potete comprare qui o qui e per leggere qualche estratto vi consiglio il blog Cosa vuoi fare da grande?.

Voto: ★★★★✰

♫♪ One way or another – Blondie

Piazzato un ventilatore dietro l’hard disk, fece alcuni esercizi di stretching, si tolse la giacca, la camicia e le scarpe, scrocchiò le dita, lanciò un grido di guerra navajo e si gettò a capofitto in quella che sarebbe stata ricordata come la terza più grande impresa dattilografica a torso nudo nella storia della burocrazia continentale.

librileggeri

L’allieva – Alessia Gazzola

Gazzola_Allieva

Prendete una specializzanda di medicina legale, il ritrovamento del cadavere di una ragazza bellissima, una serie di amiche più folli che mai e un uomo bello e tenebroso (che sia il figlio del capo poco importa) e otterrete la miscela di questo romanzo del 2011, primo di una trilogia della giovane Alessia Gazzola.

Protagonista di questo libro è Alice, una goffa e lunatica ragazza che ha deciso di intraprendere la via della medicina legale con qualche difficoltà ma determinata a proseguire nel suo intento. Alice, con la sua buona dose di sfiga e figuracce che dispensa con generosità, non può che stare simpatica al lettore, tranne forse nei suoi lunghi piagnistei da pene d’amore (ma quelli si perdonano). [Best moment: “No, la Nutella è l’unica cosa che mi resta.”] Il contorno di amiche chic, una coinquilina giapponese che sta imparando l’italiano e cita senza sosta manga e fumetti del suo Paese, un fratello fotografo e un uomo di cui non ci si può che innamorare crea una bella atmosfera piacevole anche se a tratti banale.

Ovviamente dobbiamo prendere questo libro per quello che è: una classica commedia romantica con un pizzico di giallo che intriga il lettore. Una lettura leggera ideale per le vacanze (anche estive); grazie a Silvia che me lo ha regalato per Natale (un libro è sempre uno dei regali più belli che si possano ricevere!).

Voto: ★★★✰✰

♫♪ Stronger – The Jains

«In Giappone si dice: non sorridiamo perché qualcosa di buono è successo, ma qualcosa di buono succederà perché sorridiamo.»

librileggeri

Le rubriche di Legger_mente

Visto che in questo mese ho creato un po’ di categorie nuove per i miei post, ho deciso di fare un piccolo riepilogo per darvi chiarezza. Da oggi in avanti all’inizio di ogni chiacchierata (non me la sento di chiamarla recensione, su!) “incollerò” l’etichetta della rubrica di appartenenza. Spero vi piaccia l’idea! In caso contrario, lo farò lo stesso! Muahahaha!

sulcomodino

Sul comodino. Eccoci con la prima categoria nata insieme al blog! Essenzialmente qui dentro raccoglierò tutti quei post che starebbero stretti negli altri spazi. È un’alternativa più carina al bruttissimo Uncategorized di WordPress.

classictime

Classic time. Fin dalla nascita di Legger_mente mi sono riproposta di leggere almeno un classico al mese; sono dell’idea che dai testi che sono entrati nella storia della letteratura si possa imparare molto e ogni tanto rispolverarne qualcuno non può che far bene.

librileggeri

Libri leggeri. Visto il nome del mio blog non potevo non creare questa rubrica! Se ho dato spazio ai classici, ciò non vuol dire che disdegni libri che ogni tanto riescono a farci resettare il cervello per un po’ senza doverci concentrare troppo nella lettura.

wonderwomen

Wonder women. Una rubrica a me particolarmente cara, dedicata a quei personaggi (ma anche alle autrici) femminili forti, pronte a tutto, che rendono orgogliose tutte le rappresentanti del nostro sesso (tutt’altro che debole, tsè!).

leggermentenellastoria

Legger_mente nella storia. Essendo appassionata alla materia, un salto nel passato ogni tanto me lo concedo attraverso i romanzi storici. Per unire l’utile al dilettevole!

1libro+storie

1 libro, + storie. Vi annoiate facilmente? La rubrica adatta a voi è questa, dedicata alle raccolte di racconti. Utilissime per comprendere a fondo lo stile dell’autore e per cambiare protagonisti più spesso.

brughiere

Brughiere. Qualche citazione che mi ha colpita tratta dalle letture fatte nel corso degli anni; per invogliarvi a leggere qualche romanzo in particolare (o volendo per riempirci un taccuino)!

musicalmente

Musical_mente. Che sia punk o musica lirica, qui trovate autobiografie, biografie, testi commentati e informazioni relativi a cantanti, musicisti, band che hanno lasciato un segno nell’universo musicale.

horrornights

Horror nights. Fantasmi, mostri, serial killer, zombies, vampiri e lupi mannari: tutte le vostre paure sotto forma di un innocuo volume cartaceo! Annesso ad ognuno anche una scala del livello di paura provato durante la lettura.

ciaksilegge

Ciak…si legge!. Quanti film sono stati tratti da storie attinte dai libri? Una gran parte. Possono piacere o meno – a volte magari sono pure migliori del libro – in ogni caso un bel confronto ci può sempre stare.

flop

Flop. Purtroppo esistono anche loro: libri che forse avremmo potuto evitare di leggere. Ma siccome si può imparare dai propri sbagli e aiutare gli altri a non commetterli, meglio dedicare una categoria anche a loro!

break

Break. Siccome non parlo solamente di libri, tutti i post extra su film, fumetti, arte e chi più ne ha più ne metta li inserirò qui.