Le letture del mese – Novembre ’15

novembre15.jpg

amica_geniale-1-386x600

Questo mese ho finalmente iniziato la quadrilogia di Elena Ferrante. Dico finalmente perché ne avevo sentito parlare da molto tempo e anche Wired ne scrive come il nuovo Grande Romanzo Americano (qui l’articolo). Le mie impressioni dopo aver letto il primo volume, L’amica geniale, sono decisamente positive. Personaggi ben tratteggiati, atmosfere realistiche del dopo guerra nel Sud Italia e una scrittura pulita e fresca. Diciamo pure che non vedo l’ora di proseguire con gli altri volumi.

ora

Se avete visto il famoso film di Spike Lee non potrete non leggere questo splendido romanzo da cui è stato tratto. Forse qui Benioff non raggiunge i livelli de La città dei ladri ma sappiate che è un romanzo coinvolgente e ben strutturato.

e

Dopo parecchio tempo torno a leggere la Yoshimoto con Il lago. Inutile sottolineare che il tema è, come sempre, la morte di un parente stretto (in questo caso della figura materna), questa volta però viene lasciato ampio spazio al bisogno di crearsi nuovi sentimenti e nuovi amori. L’amore per un ragazzo complicato e dal passato oscuro sarà salvifico per la protagonista.

{9ABCF6B6-5314-4027-AC7B-8E508165D627}Img400

Mentre sto divorando la seconda stagione di Les Revenants (GUARDATELO) la cui sceneggiatura è scritta in parte da Emmanuel Carrère, ho deciso di leggere questo piccolo libro intitolato La settimana bianca. Si narra la vicenda di un bambino che parte per la settimana bianca con i suoi compagni di classe, e se inizialmente l’atmosfera è leggera e a tratti quasi divertente (il punto di vista del bambino è estremamente realistico non nascondo di aver pensato le stesse cose nella mia infanzia) mano a mano che proseguiamo si svela l’orrore di un omicidio e la terribile figura dell’assassino. Scritto da dio!

1300201087818mattatoio_n5-200

Questa di Vonnegut è stata invece la lettura più psichedelica del mese, una trama pazzesca, salti temporali e alieni che ci studiano sono solo una parte di questo romanzo del 1969. Per chi ama le letture particolari e fuori dal coro.

Annunci

La classifica del mese – Luglio ’15

luglio

Luglio e tutta la sua calura. Passato anche questo mese di caldo impressionante – perfino leggere ci faceva sudare – posso parlarvi di quelle che sono state le mie letture.

Sono ben due le 5 stelline di questo mese:

Un-giorno-verro-a-lanciare-sassi-alla-tua-finestra_oggetto_editoriale_w300  71uIpSMTqjL

Inutile ammettere la mia felicità nel presentarvi queste due letture tutte italiane, Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra di Claudia Durastanti (ne ho parlato qui) e lo strepitoso vincitore del Premio Strega 2015 Nicola Lagioia con La ferocia, un romanzo duro che lascia il cuore spaccato ma di un realismo così profondo da non sembrare neanche un romanzo italiano (CONSIGLIATISSIMO!).

Un'opera di bene 51jHjnrhldL._SY344_BO1,204,203,200_ Lintestino-felice905 download 9788804509684

Seguono le quattro stelle del mese: il terzo curatissimo inedito di Ellera Edizioni, Un’opera di bene di Gianfranco Martana di cui parlo qui; una splendida antologia di quel che è il movimento Rastafari e il suo rappresentante più famoso in Rasta Marley. Le radici del reggae, un libro che ci permette di comprendere meglio i testi e la filosofia del grande Bob Marley; il famosissimo L’intestino felice di Giulia Enders, se le vostre amiche ne parlano fanno bene, è una vera rivoluzione per il nostro modo di mangiare (e di fare la cacca) scorrevolissimo grazie all’ironia e alla simpatia della giovane autrice tedesca; La sposa di Covacich, secondo finalista al Premio Strega 2015 è una raccolta di racconti strabilianti e del tutto fuori dal comune; e infine per tornare sui miei passi e scommettere sempre su una lettura vincente ho iniziato la trilogia di Alexandros del mitico Valerio Massimo Manfredi.

celeste-1872 1555279_10204348015154478_7079083287820394159_n-Copia

Ho dato anche spazio a due letture inviatemi da voi cari lettori: Ivano Mingotti ormai affermatissimo autore (qui il suo blog) che, con Celeste 1872, ci porta in una traversata transoceanica tra misteri e religiosità in uno splendido scenario dai toni cupi e tempestosi e Jolanda Buccella che analizza, sotto forma di romanzo intitolato L’erba cattiva, il grave problema del bullismo nelle scuole milanesi attraverso problemi adolescenziali e amori sbocciati tra i corridoi dei licei.

La classifica del mese – Aprile 2015

11196552_10206465964998840_241090942_oCausa orari di lavoro assolutamente massacranti, questo è stato il mese in cui ho trascurato di più il blog e la lettura, perciò la mia classifica rispecchia in realtà tutte le letture affrontate. Posso solo dirvi che Atti osceni in luogo privato è un romanzo stupendo che consiglio a tutti voi con grande entusiasmo, che Beautiful Losers di Cohen è poesia allo stato puro e ricorda Ginsberg e Burroughs, che Cognetti non delude mai, che se siete su Instagram e volete capirci qualcosa in più Andrea Antoni ve lo spiega con chiarezza e umorismo, e che se volete leggere un bel romanzo e di solito amate Umberto Eco forse è meglio se evitate il suo ultimo lavoro!

Sperando che maggio sia qualcosa di meglio (ho iniziato Mr Mercedes di King) vi auguro un weekend lungo pieno di entusiasmanti letture!

Le letture di Agosto ’14

In super ritardo riesco finalmente a parlarvi delle mie letture di agosto. Purtroppo c’è un gran romanzo che mi sento di consigliarvi davvero e una serie infinita di scialbe tre stelle tra cui non posso stilare una vera e propria classifica.

Nella top inserisco:

  • Vita dopo vita di Kate Atkinson di cui vi parlerò nel prossimo post
  • Lisario o il piacere infinito delle donne di Antonella Cilento un romanzo a metà tra lo storico e l’erotico, ben ambientato ma a cui manca qualcosa nella trama
  • Il padre infedele di Antonio Scurati finalista al Premio Strega di quest’anno, ben scritto ma a tratti un po’ troppo riflessivo
  • Il ritorno del naufrago di Francois Garde, incipit estremamente promettente purtroppo a metà si perde e il finale delude parecchio
  • Se mi chiami mollo tutto…però chiamami di Albert Espinosa da leggere in una mattina di nullafacenza

Come classico del mese sono finalmente riuscita a leggere L’amante di Lady Chatterley di David Herbert Lawrence, ma lo sapete che si tratta di un vero e proprio romanzo erotico di inizio secolo? Anche di questo ne parlerò più approfonditamente!

Il flop. Non so se anche voi avete notato il progressivo calo nella produzione di Paulo Coelho che, dopo alcune meraviglie come Veronika decide di morire, Lo Zahir e Undici minuti, a parer mio sta puntando tutto su strategie commerciali volte unicamente al guadagno. Vi sto parlando del suo ultimo romanzo Adulterio, un mischione di luoghi comuni e scene spinte che portano a un finale banalissimo e a duecento pippe mentali della protagonista davvero insopportabile. Sconsigliatissimo.

Vedremo cosa aspettarsi da settembre! Da grande appassionata di cicli arturiani ho deciso di  iniziare il romanzo di Excalibur di Bernard Cornwell, qualcuno di voi l’ha già letto?

agosto