Vorrei vivere come se fosse sempre il mese di ottobre

_MG_2742bisweb

«Vorrei vivere come se fosse sempre il mese di ottobre» ripete Chloe e finalmente il significato di quella frase si dischiude nella testa di Mark attraverso una serie di fotogrammi evanescenti. Le foglie autunnali discinte dal vento e l’aria che si infila subdolamente tra i colletti delle maglie e scivola lungo la schiena; il mese della solitudine in cui ci si riabitua a fatica a frequentare gli stessi posti dopo l’amara consolazione estiva, sbiadita nelle sue mezze tinte di dovere, laddove ottobre è sempre accecante a modo suo, quando i suoi odori e colori diventano una forma economica di tossicodipendenza. Allora Mark capisce che lei saprebbe come essere felice per davvero e raddrizza le spalle per il sollievo.

A Chloe, per le ragioni sbagliate, Claudia Durastanti

Un anno al Museo – MAO Museo d’Arte Orientale

L'ingresso al Mao con splendidi giardini giapponesi

L’ingresso al Mao con splendidi giardini giapponesi

Primo museo dell’anno: il MAO Museo d’Arte Orientale. Il MAO di Torino è un museo relativamente giovane di Torino, un gioiellino incastonato nel bellissimo Palazzo Mazzonis, che fa scoprire un pezzettino di Oriente anche a noi piemontesi. Forse non ha davvero nulla a che vedere con i musei d’arte orientale stranieri che ho visitato (la sezione orientale del Victoria&Albert Museum a Londra e il rilassante Guimet a Parigi) ma il fatto che sia così raccolto e ben studiato lo rende davvero piacevole. Il museo è strutturato su più livelli e diviso in 5 macro aree geografiche: Asia Meridionale, Cina, Giappone, Regione Himalayana, Paesi Islamici.

L'Onda di Hokusai

L’Onda di Hokusai

La cura nel dettaglio è stata una delle cose che più ho amato in questo museo. Ogni pezzo, dalla statua buddhista alla scodella in ceramica ha un posto ben preciso all’interno della collezione e grazie ad un’ottima illuminazione gode di tutta l’attenzione necessaria. Ho amato i paraventi giapponesi così come le splendide piastrelle invetriate e le ciotole che, suddivise cromaticamente, sono un piacere per gli occhi. Le luci soffuse e il legno come predominanza creano un ambiente rilassato che ci consente in tutta tranquillità di passare un’oretta tra questi capolavori orientali.

Le piastrelle invetriate dei Paesi Islamici

Le piastrelle invetriate dei Paesi Islamici

Fatevi un giretto virtuale sull’Art Project di Google per vedere alcune delle splendide opere in mostra.

Io ho poi avuto l’opportunità di visitare due mostre temporanee: quella sui cavalli celesti e la bellissima mostra fotografica Marco Polo. La Via della Seta nelle fotografie di Michael Yamashita un fotografo di National Geographic che, copia del Milione in mano, ha ripercorso il viaggio di Marco Polo in Oriente. I colori e il cambiamento dei paesaggi incontrati sorprendono e rilassano, e mai come questa volta ho apprezzato i brevi resoconti delle foto, a tratti davvero divertenti.

Consiglio davvero a tutti i torinesi di farci un salto, la mostra su Marco Polo sarà visitabile solo fino al 15 aprile.

Volevo una vita tranquilla e una vita scandalosa.

2

Volevo una vita tranquilla e una vita scandalosa. Pensate a Van Gogh, cipressi e guglie sotto un cielo di serpenti che si contorcono. Ero la figlia di mio padre. Volevo essere amata da qualcuno che assomigliasse a mia madre, austera e assennata, e volevo correre urlando alla luce dei fari con una bottiglia in mano.”

Una casa alla fine del mondo, Michael Cunningham

qualcosa c’è di più immortale anche delle stelle

download

[…] Giove riemergerà, sii paziente, guarda ancora un’altra
notte, le Pleiadi emergeranno,
sono immortali, tutte quelle stelle dorate e inargentate
brilleranno ancora,
le stelle grandi e le piccole brilleranno ancora, durano,
i vasti soli immortali e le eterne, riflessive lune
brilleranno ancora.

Allora mia cara piangerai tu sola per Giove?
consideri tu sola la sepoltura delle stelle?

Qualcosa c’è,
(con le mie labbra calmandoti, io aggiungo in un
sussurro,
ti do il primo consiglio, il primo inganno,)
qualcosa c’è di più immortale anche delle stelle,
(molte le sepolture, molti i giorni e le notti che passano e
svaniscono)
qualcosa che durerà più a lungo anche del luminoso
Giove,
più a lungo del sole e di ogni ruotante satellite,
o delle irradianti sorelle, le Pleiadi.

Sulla spiaggia di notte, Walt Whitman

Su Tumblr e citazioni zuccherose

013

6 gennaio 2014: l’incubo di tutti quelli che, come me, hanno fatto il ponte e adesso si apprestano a tornare alla dura quotidianità fatta di sveglie alle sei del mattino e interminabili viaggi sul pullman. I lati positivi non mancano però. Le mie tre ore di pullman al giorno mi consentiranno finalmente di leggere un po’ di più visto che in questi giorni di vacanza ho decisamente cazzeggiato. Ebbene sì, ho trascurato la mia amata lettura per dedicarmi un po’ di più a film e videogiochi, altre nobili passioni che amo insieme al faticoso zapping televisivo. Facendo il punto, tra schitarrate su Brutal Legend, elfi e nani de Lo Hobbit – La desolazione di Smaug, film di ogni genere usciti nel 2013 (da Spring Breakers a Come un tuono passando per Anna Karenina), il tempo è volato! Certo di cose impegnative e importanti ne ho fatte tante, per esempio prendendo il coraggio a due mani ho finalmente deciso di tagliare i miei lunghi e ricci capelli da hippy per un taglio corto chic (chic almeno finché è durata la piega!). In ogni caso ora mi ritrovo con mille cose di cui parlare e la testa – decisamente alleggerita – troppo presa per parlarne. Non parlerò quindi di nulla oggi, Legger_mente mi farà da diario e voi potete anche considerare inutile questo post.

Prima della nascita di questo blog mi è sempre piaciuto tenere traccia delle mie letture sia sul buon vecchio aNobii (quanto resisterà ancora?) sia sul mio storico blog in Tumblr strawberry sku. Qui ho sempre inserito le citazioni migliori delle letture appena concluse quasi sempre passate inosservate all’interno di quel favoloso mondo fatto di splendide fotografie rebloggate milioni di volte, gattini animati dalle gif e infinite citazioni di Baricco (sì, ne ho aggiunte anche io). Con mio grande piacere ultimamente molte citazioni inserite hanno fatto il botto e stanno girando in tanti altri blog di Tumblr. Ah, la meraviglia della condivisione!

Sembrerà strano ma in un mondo ormai dominato in gran parte dall’egoismo e dall’opportunismo, le citazioni che spopolano sono quasi tutte quelle sdolcinate e direi quasi diabetiche. Che la gente, nonostante tutto, creda ancora nelle splendide favole d’amore? A quanto pare sì. Così, ho deciso che, visto che in questi mesi a venire ho in programma letture lunghe e impegnative, vi terrò comunque compagnia postando un po’ di queste citazioni zuccherose qui sul blog nella categoria Brughiere. Tutto questo in nome dell’Ammmmore e di tutte quelle citazioni che ci migliorano un pochino la vita leggendole.

xoxo gossip girl