Vorrei vivere come se fosse sempre il mese di ottobre

_MG_2742bisweb

«Vorrei vivere come se fosse sempre il mese di ottobre» ripete Chloe e finalmente il significato di quella frase si dischiude nella testa di Mark attraverso una serie di fotogrammi evanescenti. Le foglie autunnali discinte dal vento e l’aria che si infila subdolamente tra i colletti delle maglie e scivola lungo la schiena; il mese della solitudine in cui ci si riabitua a fatica a frequentare gli stessi posti dopo l’amara consolazione estiva, sbiadita nelle sue mezze tinte di dovere, laddove ottobre è sempre accecante a modo suo, quando i suoi odori e colori diventano una forma economica di tossicodipendenza. Allora Mark capisce che lei saprebbe come essere felice per davvero e raddrizza le spalle per il sollievo.

A Chloe, per le ragioni sbagliate, Claudia Durastanti

La classifica del mese – Luglio ’15

luglio

Luglio e tutta la sua calura. Passato anche questo mese di caldo impressionante – perfino leggere ci faceva sudare – posso parlarvi di quelle che sono state le mie letture.

Sono ben due le 5 stelline di questo mese:

Un-giorno-verro-a-lanciare-sassi-alla-tua-finestra_oggetto_editoriale_w300  71uIpSMTqjL

Inutile ammettere la mia felicità nel presentarvi queste due letture tutte italiane, Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra di Claudia Durastanti (ne ho parlato qui) e lo strepitoso vincitore del Premio Strega 2015 Nicola Lagioia con La ferocia, un romanzo duro che lascia il cuore spaccato ma di un realismo così profondo da non sembrare neanche un romanzo italiano (CONSIGLIATISSIMO!).

Un'opera di bene 51jHjnrhldL._SY344_BO1,204,203,200_ Lintestino-felice905 download 9788804509684

Seguono le quattro stelle del mese: il terzo curatissimo inedito di Ellera Edizioni, Un’opera di bene di Gianfranco Martana di cui parlo qui; una splendida antologia di quel che è il movimento Rastafari e il suo rappresentante più famoso in Rasta Marley. Le radici del reggae, un libro che ci permette di comprendere meglio i testi e la filosofia del grande Bob Marley; il famosissimo L’intestino felice di Giulia Enders, se le vostre amiche ne parlano fanno bene, è una vera rivoluzione per il nostro modo di mangiare (e di fare la cacca) scorrevolissimo grazie all’ironia e alla simpatia della giovane autrice tedesca; La sposa di Covacich, secondo finalista al Premio Strega 2015 è una raccolta di racconti strabilianti e del tutto fuori dal comune; e infine per tornare sui miei passi e scommettere sempre su una lettura vincente ho iniziato la trilogia di Alexandros del mitico Valerio Massimo Manfredi.

celeste-1872 1555279_10204348015154478_7079083287820394159_n-Copia

Ho dato anche spazio a due letture inviatemi da voi cari lettori: Ivano Mingotti ormai affermatissimo autore (qui il suo blog) che, con Celeste 1872, ci porta in una traversata transoceanica tra misteri e religiosità in uno splendido scenario dai toni cupi e tempestosi e Jolanda Buccella che analizza, sotto forma di romanzo intitolato L’erba cattiva, il grave problema del bullismo nelle scuole milanesi attraverso problemi adolescenziali e amori sbocciati tra i corridoi dei licei.

Sul perché i racconti non piacciono e “Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra” di Claudia Durastanti

Avete presente l’entusiasmo che si prova nel momento in cui si finisce un libro stupendo? Ecco mi è capitato alla conclusione di Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra di Claudia Durastanti. In questo splendido libro le storie di sei personaggi si intrecciano nel corso di trent’anni di storia americana toccando temi sociali forti e ascese di nuovi generi musicali e di vita, come il punk. La costruzione fa sì che il lettore compia viaggi temporali saltando da un personaggio all’altro, inizialmente senza rendersi conto del filo che collega tutti i racconti in cui è suddiviso il libro. Lo stile incredibilmente sciolto e verace fanno pensare ad un’autrice americana (preciso comunque che la Durastanti è nata a Brooklyn e vive a Londra) e la malinconia di fondo, gli amori impossibili narrati e l’autenticità di certi personaggi rende tutta la lettura estremamente goduriosa.

Un-giorno-verro-a-lanciare-sassi-alla-tua-finestra_oggetto_editoriale_w300

Insomma, per me è assolutamente un romanzo da 5 stelle piene e amore eterno; eppure spulciando tra le pessime ma pur sempre utili recensioni sui vari social mi stupisce vedere una media piuttosto bassa e alcuni commenti davvero molto negativi. La prima cosa che mi irrita profondamente sono quelle persone che appioppano un 2 stelle esordendo con “a me i racconti non piacciono”. Praticamente è come se su Tripadvisor dessi una valutazione pessima ad un ristorante di pesce perché io non lo mangio. Se non mi piace meglio optare per una pizzeria no? [Qui si potrebbe citare Gianni Mura che sconsiglia vivamente l’uso di Tripadvisor, ma questa è un’altra storia.]

Ma veniamo alla seconda più importante questione: perché il grande pubblico tendenzialmente snobba i racconti? Quante volte mi è capitato di leggere o sentire dire da qualcuno che i racconti non fanno per lui? Decisamente troppe. Io, come vi ho sempre detto, credo che sia il modo più estremo per capire quanto un autore ci sappia fare. In poche pagine noi capiamo i sentimenti di un personaggio, ci caliamo nella situazione creata dall’autore, proviamo emozioni e ci appassioniamo, e se l’autore riesce in così poco spazio a darci tanto è sicuramente un ottimo autore. E capisco come molti di noi abbiano bisogno di un romanzone da 900 pagine per affezionarsi e amare i personaggi (io per prima) ma riuscire ad apprezzare i racconti migliora la nostra attività di lettori, nobilita la nostra passione e, soprattutto, ci fa scoprire scrittori meravigliosi. Ne abbiamo parlato anche alla Grande Invasione (festival letterario a Ivrea) con Luca Ricci che analizzando e smontando un racconto di Carver (re indiscusso del genere) affermava che “Il racconto è una cosa fatta per essere riletta, non come il romanzo. Ogni parola è fondamentale, nulla è sprecato.” e che “Più parole si hanno, meno importanza ha la singola parola. Meno parole ci sono e più importanza ha la singola parola.” Facendoci capire come sia minuzioso il lavoro di un autore che scrive racconti ma anche di quanto siano importanti i dialoghi perché anche quando apertamente sembra che non accada nulla in realtà accade moltissimo.

Chiudo con una citazione dal libro della Durastanti (anche se si tratta di un romanzo mascherato da racconti):

Eccola qui, una ragazza incapace di nuotare, con i piedi a mollo in una vasca piena di frasi di Nabokov liquefatte, con una gonna di lino bianca tirata fin sopra le cosce e la testa reclinata all’indietro a farsi benedire dal sole. Temo che, anche vista da fuori, chiunque si accorgerebbe che ce la sto mettendo tutta per calarmi nella parte.