L’inerzia governa il mondo.

Le nostre migliori intenzioni sono spesso frustrate da forze esterne – forze che noi stessi abbiamo messo in moto tanto tempo prima. Le decisioni, soprattutto quelle sbagliate, generano una loro inerzia e fermare l’inerzia può essere un bel casino, come ogni atleta sa bene. Anche se giuriamo di cambiare, anche se siamo dispiaciuti e facciamo ammenda dei nostri errori, l’inerzia del passato continua a trascinarci per la strada sbagliata. L’inerzia governa il mondo. L’inerzia dice: Calma, non così in fretta, sono ancora io che comando qui. Come ama dire un mio amico citando un vecchio poema greco: La mente degli dèi eterni non cambia all’improvviso.

Annunci

Open – Andre Agassi

1262555877-agassi_cover

Non mi sono mai appassionata troppo al tennis pensando fosse uno sport “noioso” e snob. Negli ultimi tempi grazie ad Eric, il ragazzo di mia sorella (grande fan di Federer e in genere appassionato di tennis e di molti altri sport) e – lo ammetto – ad un gioco per la Wii, mi è venuta la curiosità di seguirlo un po’ di più. Ciò mi rende tutt’altro che esperta in materia, figuratevi che non sapevo nemmeno chi fosse Agassi finchè non ho preso in mano questo libro.

Detto ciò, di questa autobiografia ho innanzitutto apprezzato la totale sincerità, la voglia di scendere nei particolari, anche a rischio di comprettersi. Scorrevole e piacevole, forse la avrei apprezzata di più se fosse stata un pochino più corta (ho trovato un po’ pesanti certi elenchi di vittorie, sconfitte, tornei, open).

Ovviamente Agassi non ha avuto una vita facile, ma piuttosto una continua altalena tra alti e bassi, successi e insuccessi, soddisfazioni e delusioni. Insegna molto sulla natura umana, sulla vita, sul destino, sulla forza d’animo, sui figli e sui genitori. Mai avrei pensato fosse possibile imparare tanto dalla vita di un altro. Da leggere!

Voto: ★★★✰✰ [3,5]

Di quante dimostrazioni ho bisogno? E’ per questo che siamo qui. Per combattere attraverso il dolore e, quand’è possibile, per alleviare il dolore altrui. Così semplice. Così difficile da capire.