Perché “L’amante di Lady Chatterley” è meglio di 50 sfumature

postmercoledi

Pare che ormai il sesso sia ovunque e per ovunque non intendo solo nello sterminato universo di internet o nei servizi di studio aperto quanto anche nella letteratura. Il vero boom è stato dato dalla trilogia delle sfumature, da allora pare che si diffondano come funghi libri molto simili o comunque riguardanti le incredibili riscoperte sessuali delle nostre eroine protagoniste, un po’ della serie “oh guarda ho una vagina, usiamola!”. E con questo non voglio certo dire che io non ne abbia mai letti o – per carità – che io sia una puritana a riguardo (sono una gran fan di Palahniuk, Isabella Santacroce e Irvine Welsh, autori di certo non bigotti o moralisti), il fatto è che molti sono inverosimili. Un po’ come i film porno, ecco.

978-88-541-1920-8

Detto ciò, non voglio addentrarmi nel mercato della pornografia e qui finisce la mia breve chiacchierata a riguardo PERÒ voglio ricordarvi dell’esistenza di romanzi erotici che sono entrati a far parte della nostra concezione di “classico” nonostante la società a stampo cristiano/puritano in cui siamo cresciuti. Sto parlando del romanzo di David Herbert Lawrence: L’amante di Lady Chatterley. Una rivoluzione per l’epoca – è stato scritto nel 1928 – fu, non a caso, pubblicato postumo e censurato in maniera imbarazzante (nella versione italiana il verbo “to fuck” veniva tradotto con “baciare”, e qui scappa la risata!). Il contesto storico era però maturo per una trama di questo tipo: siamo a cavallo (niente doppisensi eh) fra le due guerre mondiali e dopo la brutalità della Prima nasce una voglia di godersi la vita e una libertà che potremmo quasi considerare come una prima rivoluzione sessuale in anticipo di molti decenni rispetto a quella dei figli dei fiori. Ma veniamo al punto. Perché secondo me leggere questo romanzo è meglio che leggere 50 sfumature e/o simili?

  • Per l’incredibile carattere di Connie
  • Perché l’amante non è il solito riccofigowow superdotato che cambia la vita della poveraccia protagonista, ma un taglialegna con la polmonite
  • Perché fa quasi impressione leggere certe cose e ricollegarle all’inizio del ‘900 (un po’ della serie “ah ma lo facevano anche loro?”)
  • Perché è veritiero, pare infatti che l’autore si sia basato sul tradimento della moglie
  • Per lo stile, elegante e quasi mai noioso, permette anche di segnarsi qualche citazione senza cadere nella perversione

Detto questo, i discorsi su bolscevismo, operai e miniere di carbone sono veramente noiosi. Che peccato! Sarebbe stato perfetto altrimenti! 😉


Voto: ★★★✰✰ e mezza!

♫♪ No one’s gonna love you – Band of horses

[…] c’erano giorni nei quali non era che vuoto, spazi bianchi. Erano parole, milioni di parole su parole. L’unica realtà era il nulla, sopra il velo ipocrita delle parole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...