Joyland – Stephen King

joyland-blogspot.com_

C’è un motivo se amo da sempre Stephen King: è la sua incredibile capacità nel raccontare storie, nel farti immedesimare nei personaggi, nel rendere reale anche cose incredibili come mostri e fantasmi. Joyland è forse il suo romanzo più dolce e tenero, incredibilmente soffice quasi come una nuvola di zucchero filato. Commovente, ma anche introspettivo e formativo.

Perché non dargli 5 stelline? Forse manca qualcosa del King che tutti conosciamo, il protagonista non mi è entrato dentro al cervello come negli altri suoi capolavori (forse per la relativa brevità), in cui arrivata alla fine mi “mancava” come un vecchio amico che non senti più. E’ inoltre molto più tranquillo, meno horror e thriller di qualsiasi altro. La paura non è suscitata anche se è palese che l’intento è quello di dare ben altro al lettore. E ci riesce alla grande.

Voto: ★★★★✰

Posso solo confermarvi un fatto risaputo: certi giorni valgono più dell’oro. Non sono molti, ma nel corso di quasi ogni vita ne esistono almeno un paio. Quello fu uno dei miei e ogni volta che sono giù di corda e il mondo non mi sorride e tutto mi sembra finto e dozzinale come la Passeggiata di Joyland in un pomeriggio di pioggia, io ritorno con la memoria a quel martedì di ottobre, anche solo per ricordare a me stesso che la nostra esistenza non è sempre un gioco da spennapolli. Talvolta i premi sono reali. Talvolta hanno un valore immenso.

Annunci

9 pensieri su “Joyland – Stephen King

  1. Joyland é praticamente un libro spaccato in 2. Per due terzi della sua durata King si concentra su aspetti collaterali al tema principale (la delusione amorosa del protagonista, le amicizie che stringe, il suo calarsi nei panni della mascotte eccetera), e soltanto alla fine mette da parte queste sottotrame per arrivare al nocciolo della questione.
    Il bello é che a me sono piaciute più le sottotrame del tema principale: con questo romanzo King ha dato prova di saper scrivere non soltanto scene horror, ma anche scene di vita quotidiana. E questi “slice of life moments” nella loro apparente banalità sono in realtà interessantissimi, perché fanno emergere il carattere dei personaggi, i sentimenti che li legano tra loro, le loro fragilità e i loro punti di forza… Joyland in questo é un romanzo straordinario.

  2. ne sento parlare sempre bene, anche senza entusiasmare ha convinto un po’ tutti. King è uno di quelli che mi hanno accompagnato nell’adolescenza, sicuramente prima o poi lo leggerò

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...